SPEDIZIONE GRATUITA per ordini superiori a 89€ altrimenti 7,90€

Non hai articoli nel carrello.

Non hai articoli da confrontare.

Ricerca

Almorano Trebbiano d’Abruzzo DOC 2017 - Cerulli Spinozzi

Almorano Trebbiano d’Abruzzo DOC 2017 - Cerulli Spinozzi

€ 5,90

Disponibilità: Non disponibile




Giallo paglierino. Al naso pieno di piccola frutta a polpa bianca, agrumi profumati e maturi, in bocca attacca morbido e secco, immediato in tutte le sue espressioni di sapida mineralità.


Campagna agraria 2017
La stagione 2017 è stata caratterizzata dalla gelata primaverile del 24 aprile, dalle alte temperature estive e soprattutto dalla scarsità di piogge di tutto il periodo vegeto-produttivo. Questo ha determinato un importante calo produttivo, fino al 25%. In alcune vigne più giovani si è ritenuto necessario intervenire con delle irrigazioni di soccorso, mentre le piante più vecchie hanno resistito meglio alla siccità, portando comunque un congro anticipo di vendemmia. La raccolta si è svolta dalla seconda settimana di agosto a metà ottobre, con larghi periodi di attesa per aspettare il periodo migliore di maturazione per ogni varietà o vigneto. Abbiamo raccolto uve sane e a perfetta maturazione, con concentrazioni zuccherine mediamente alte e buoni contenuti di acidi, facilitati soprattutto sul Montepulciano dalle fresche notti di settembre.

Scheda Tecnica

Ulteriori informazioni

Dati Tecnici

Nome del vino
ALMORANO


Denominazione
Trebbiano d’Abruzzo DOC


Annata
2017


Varietà delle uve
Trebbiano d'Abruzzo 100%


Vigneti di origine
Vigneto nel comune di Canzano, da 250 metri fino a 400 metri s.l.m. Terreni calcarei argillosi più compatti verso la vallata, più sciolti ed areati, ricchi di scheletro a mezza collina. Età di impianto da 5 a 20 anni.


Epoca di vendemmia
Dalla prima alla seconda decade di Settembre.


Resa media per ettaro
130 qli di uva per ettaro, 9100 lt in vino.


Raccolta
Manuale in piccoli carri, selezione dei grappoli in vigna.


Vinificazione
Immediata pigiatura delle uve, immediata refrigerazione del mosto, al fine di evitare l'ossidazione e favorire l'illimpidimento dello stesso. Successivo innesco della fermentazione, sempre tenendo grande attenzione alle temperature onde scongiurare il rischio di perdere i precursori degli aromi varietali. Dopo un primo travaso il vino riposa sulle sue fecce per alcuni mesi, è imbottigliato all’inizio dell’anno successivo la vendemmia, per essere pronto al consumo nella primavera.

Degustazione

Abbinamenti gastronomici

Vino pronto al consumo: gli abbinamenti sono tra i più variegati, da delicati pesci bolliti a uno lo spaghetto alle vongole dell'Adriatico.